LETTERA DI UN’INFERMIERA AL GOVERNATORE VENDOLA.

novembre 8, 2011 1 commento

AL GOVERNATORE DELLA REGIONE PUGLIA
Caro governatore Nichi Vendola,
quando la prima volta seppi che Lei si candidava alla Regione ebbi un sussulto e pensai forse adesso è l’ora del cambiamento, tirava aria nuova e fui felicissima, ancor più felice perchè Lei era una persona realmente diversa, nuova e sensibile.
Ora Le racconto la mia storia:
io sono una donna felicemente sposata e mamma di due figli, di professione Infermiere.
Nel 1991 dopo aver fatto numerosi concorsi con esito negativo per caso partecipai ad un concorso per soli titoli per i malati di AIDS e fui assunta. In quelli anni c’erano molti pregiudizi circa le circostanze che portavano alla malattia (omosessualità e tossicodipendenze) ma io, donna di sinistra e senza pregiudizi, fui molto contenta di prestare la mia opera proprio a chi ne aveva più bisogno ed era più scartato. La felicità era completa anche perchè avevo ottenuto il lavoro esclusivamente per i miei meriti senza dover chiedere niente a nessuno.
A dire la verità sono sempre stata un’idealista sognatrice volevo lavorare grazie ai miei meriti in posti dove realmente non c’erano raccomandazioni e dove nessuno voleva andare a lavorare. All’inizio della mia attività lavorativa avevo qualche timore anch’io, ma vi posso assicurare che durante gli anni di permanenza in quel reparto ho conosciuto delle bellissime persone che mi hanno arricchito molto.
Nel 1998 un pò per problemi di famiglia e per delle circostanze sono stata trasferita nel reparto di Ostetricia di Manduria: ho pianto tanto per aver perso i miei pazienti di cui, vi posso assicurare, ancor oggi ricordo i nomi e alcuni episodi legati a loro.
Nel reparto di Ostetricia di Manduria ho lavorato benissimo per 13 anni. All’improvviso, anche se nell’aria c’era il sentore che qualcosa stava succedendo, il 30.10.2011 arriva la notizia della chiusura del reparto. Purtroppo è toccato a me organizzare i trasferimenti delle pazienti ricoverate e Le posso assicurare è stata la giornata più triste. Abbiamo pianto tutti e più di noi hanno pianto le pazienti: ascoltavo in silenzio le loro storie di vita, di chi aveva perso il posto di lavoro, di chi aveva bloccato il mutuo, di chi aveva dovuto rinunciare persino all’auto.
Il trasferimento del reparto a Grottaglie significa che una intera zona, Avetrana, Maruggio, Manduria, Sava, Torricella, Lizzano, Fragagnano, San Marzano ma anche Erchie e Torre Santa Susanna rimane scoperta per questo importante servizio. Non sono stupida, capisco che tagli sono necessari, ma forse occorreva valutare meglio cosa, quando e chi tagliare. E soprattutto le cose andavano organizzate, discusse, decise insieme. Ricorda, Governatore, la campagna elettorale quando Lei parlava di decisioni condivise? Io mi riferisco proprio a questo.
Grottaglie è distante non solo territorialmente ma soprattutto perchè non abbiamo strade comode che facilito il raggiungimento di un reparto così importante: ha provato a fare Avetrana – Taranto con una emergenza (distacco di placenta)? O Manduria – Grottaglie.
Il 02.11.2011 data storica, prendo servizio all’ospedale di Grottaglie e lì apprendo che l’ospedale di Martina, che doveva subire il riodino, è stato da Lei salvato in extremis.
Appresa la notizia il mio cuore è veramente scoppiato, ho pianto tanto e allora ho capito che il mio poeta non esisteva era tutta fantasia che anche lui era come tutti gli altri e mi sono vergognata per averlo votato, sostenuto e difeso non riuscivo più a guardare in faccia le mie pazienti: anch’io mi sono sentita una traditrice. Adesso grazie a lei e ai suoi collaboratori le donne di Avetrana, Maruggio,Manduria, Sava, Torricella,Lizzano,Fragagnano,San Marzano non avranno più un punto nascita ma addirittura saranno penalizzate due volte perchè non ci sono mezzi pubblici e a pagare sono sempre i più poveri.
I politici in questa zona vengono solo durante il periodo elettorale a incantarci con le loro poesie e le belle parole e poi ci abbandonano al nostro destino. Io spero che lei legga questa lettera e pensi a tutte quelle persone che vivono in questo versante orientale tenendo conto del disagio territoriale.
Caro Governatore la invito a venire a prendere visione del territorio personalmente e poi a trarre le sue conclusioni questo ce lo deve a Noi ma soprattutto a chi di questo taglio è il penalizzato più grave: il paziente. Non so se leggerà questalettera, ma la dovevo a tutte le donne meno fortunate di me.
Grazie
Eugenia Ucini

Categorie: I Candidati

primarie del centrosinistra

gennaio 7, 2011 Lascia un commento

risultati:

votanti             1272

bianche 6 nulle 4

luigi Conte      1105     87,56%

Rosaria Pertacca   157   12,44%

Categorie: I Candidati

PRIMARIE NEl CENTRODESTRA?

dicembre 13, 2010 Lascia un commento

Dalle indiscrezioni che trapelano, ci sarebbe la possibilità di dover ricorrere alla formula delle primarie, anche per conoscere il candidato a sindaco del centro-destra, non è niente di sicuro, anzi attendiamo smentite o conferme, il fatto è che i nomi che si sentono circolare nelle piazze e nei bar del paese, non prevedono la figura dell’attuale sindaco Mario De Marco, e sono quelli dell’assessore Tarantini, dell’assessore Minò e il probabile ritorno di Giovanni Scarciglia, candidato alle ultime elezioni regionali.

Categorie: I Candidati

LA PROLOCO DI AVETRANA CHIEDE AI CANDIDATI DI ESPORRE LE LORO IDEE SULL’AMBIENTE.

dicembre 9, 2010 Lascia un commento

LA RISPOSTA DEL CANDIDATO PER IL PD LUIGI CONTE:

“Valorizzazione del Parco territoriale, tutela del paesaggio, monitoraggi per la salubrità dell’aria, lotta contro ogni forma d’inquinamento dell’aria del suolo e del sottosuolo, messa in funzione del depuratore comunale e tutela di Avetrana con…tro ogni tentativo di collocare il depuratore consortile a ridosso del proprio territorio, no allo sversamento a mare dei reflui depurati ma loro riutilizzo in agricoltura, lotta contro l’inquinamento elettromagnetico, raccolta differenziata efficace…immagino un paese senza più cassonetti, recupero del degrado urbano e territoriale, difesa contro ogni tentativo perverso di realizzare discariche di ogni tipo sul territorio comunale, più verde con la realizzazione di viali e zone a verde, recupero delle cave e loro trasformazione in un grande parco pubblico, potenziamento delle fonti rinnovabili senza deturpare le bellezze del nostro territorio…penso al fotovoltaico sugli edifici pubblici e sulle abitazioni private, centro per la raccolta degli inerti…queste le idee più importanti si accettano suggerimenti nella consapevolezza che la parte più difficile è realizzare quanto si desidera.”

RISPOSTA DELLA CANDIDATA PER SEL ROSARIA PETRACCA

Categorie: I Candidati, I Programmi

una parte dell’intervista di rosaria petracca a TRCB

dicembre 5, 2010 Lascia un commento
Categorie: I Candidati

Le Opere di Mario De Marco

novembre 30, 2010 Lascia un commento

Il giorno 6 giugno 2010 alle ore 14:27, sulla pagina della comunità facebook  un caffè con Mario De Marco, il Sindaco, o chi per lui, ha postato l’elenco di tutte le opere progettate, da realizzare o realizzate dall’amministrazione comunale dal 2006 al 2010 dal titolo:

30 Maggio 2006, 30 Maggio 2010, quattro anni di amministrazione .

Quattro anni di successi.
Quattro anni di risanamento bilanci comunali indebitati fino al collo.
Quattro anni di progetti e opere finanziate senza oneri a carico del comune.
SVILUPPO TERRITORIO:
- sentenza tar rivendicazione marine;
- ricorso TAR contro depuratore consortile (l’ A.Q.P. ha revocato l’appalto);
- PIRP ( riqualificazione periferie ) – duemilioni investimenti – €. 1.200.000 per 12 alloggi popolari e € 800.000 per parco, ventimilioni investimenti privati – dieci anni DI LAVORO (solo avetrana e non comuni vicini);
- depuratore avetrana € duemilionicentomila – problema definitivamente RISOLTO – 1200.000 PER recapito finale depuratore;
- 800.000 macchinari e messa a norma dep;
- € 300.000 ampliamento cimitero comunale ( nel 2006 le sepolture venivano parcheggiate in una cappella cimiteriale allo stato grezzo ed in costruzione);
- strade realizzate: via ferrara, via Umbria, via Pertini, via Dante, via Duca Deglia Abruzzi, via A. Moro e parallela; via Volta, via Fermi, via Don Arturo Mazzei, via De P…rezzo, via Bixio, via Vespucci, via Canova;
- strade in fase di realizzazione: via Giordano, via Lago di Garda, via Lago di Como, via Lago di Varano, via Foggia, via Paisiello, via ferraris, via Euclide, via Duca di Genova, Via Rossini, Via Quartulli, via Fratelli Bandiera (dosso);
- PIRP: casa di riposo; casa famiglia, alloggi popolari ed edilizia sovvenzionata; discoteca, Booling, Albergo, anfiteatro, ostello della gioventù, area mercatale;
- 560.000 progetto riqualificazione centro storico – basolato e piazza Parlatano;
- 1700.000 campeggio località ulmo in via di finanziamento con area vasta sempre senza oneri per il comune € 400.000 illuminazione Ulmo 251 punti luce.
- EDILIZIA SCOLASTICA:
€ 360.000 asilo nido (€ 80.000 comunali);
€ 450.000 scuola materna via sierri (€, 160.000 comunali);
€ 350.000 scuola media (€ 25.000 comunali).
Quattro anni di progetti INIZIATI E TERMINATI senza dover aggiungere: illuminazione castello; borgo centonze e campo sportivo. CONTINUA!!!!!!!!!!!!!!!!!

seguito da un commento, che spingeva per la realizzazione di tutte le opere sopra elencate, per non permettere che le stesse siano successivamente accreditabili alla nuova amministrazione, e da una risposta del sindaco, o chi per lui, ” manca un anno avoglia”.

Andremo a vedere quali opere sono state veramente realizzate o progettate o sognate, pubblicando i documenti, disponibili sul sito del comune di Avetrana.

Categorie: I Candidati

Incontro con il candidato del PD alla carica di sindaco nelle primarie del centrosinistra Luigi Conte

novembre 29, 2010 Lascia un commento

TESTO DELL’INTERVISTA.

Blog: lei è stato per 9 anni amministratore di questo paese e per 5 all’opposizione, come ha visto cambiare il paese nelle sue mani e come l’ha visto degradarsi negli ultimi 5 anni?
Luigi Conte: il paese in 9 anni di guida del centrosinistra ha avuto sicuramente un impulso positivo, si erano create le basi per una rinascita sociale, politica e culturale della comunità, in questi 5 anni sicuramente c’è stata una battuta d’arresto, il paese è tornato indietro rispetto a procedure che pensavamo fossero obsolete e non più di moda, siamo sprofondati in un periodo di un oscurantismo che poi ha prodotto anche scarse relazioni sociali, scarsi rapporti personali , una scarsa capacità dialettica con l’attuale maggioranza.
Blog: quindi questa rottura sociale all’interno del paese che lo vede spoglio di iniziative e di partecipazione è conseguenza di una politica di palazzo che allontana i cittadini e non li fa contribuire allo sviluppo del paese?
Luigi Conte: sicuramente è un centrodestra, ma più che centro destra direi è una destra perchè c’è poco di centro in questa amministrazione, che ha una visione della gestione del potere molto personalistica e molto tesa alla creazione di clientele spicciole alle quali rivolgersi in campagna elettorale per poter attingerne il consenso, poco si occupa della crescita culturale della comunità a poco sono interessati nella rinascita di un associazionismo teso a migliorare la qualità della vita avetranese, a loro non importa nulla, loro soddisfano le esigenze fisiologiche di una clientela che accontentano con qualche spicciolo e tutto viene demandato a qualche atto sporadico di infrastrutture programmate già precedentemente e su questo si ergono a buoni amministratori.
Blog: lei è il candidato del PD, era l’unico possibile, glielo hanno proposto l’hanno quasi obbligata a candidarsi, ho sentito prima che ha detto “atto di respondabilità”.?
Luigi Conte: dopo aver fatto il sindaco per 9 anni non è che uno stia morendo dalla voglia di ricandidarsi di competere, di mettersi in gioco perchè nel frattempo sono mutate le condizione nel 97 c’erano delle condizioni diverse ed oggi nel 2010 ci sono tutt’altre condizioni, però nel momento in cui il partito ti indica come candidato per una competizione alla carica importante come quella di sindaco è il momento in cui bisogna assimersi le responsabilità, il partito ha individuato me, io ho sollecitato candidature alternative che non ci sono state e quindi mi prendo questo onere e onore, perchè quando il partito ti indica è un atto di fiducia di stima e di considerazione che non bisogna sottovalutare.
Blog: la candidata di Sel a competere contro di lei, questo sconto che è partito su facebook l’ha portata ad affermare che lei è un fuoriclasse della politica avetranese che però ha chiuso quello che è il vivaio e le nuove generazioni che potrebbero far parte del consiglio comunale e anche diventare sindaco.
Luigi Conte: Io questo ruolo di fuoriclasse non lo sento mio, nel senso che non mi sento un fuoriclasse sono una persona che ha fatto politica sempre con grande umiltà con grande senso di disponibilità con grande senso del dovere nei confronti del cittadino elettore, ho cercato di assumere atteggiamenti abbastanza sereni umili tesi a portare acqua al mulino di appartenenza cioè quelle del PD e del centrosinistra; quindi non mi sento di avere il ruolo del fuoriclasse. ho sempre creduto che i ruoli uno dovrebbe andare a guadagnarseli, a cercarseli non c’è niente che ci viene regalato da nessuno, se ci sono giovani talenti ben vengano io ne sarei felice, aspirerei che affianco alla candidata di SEL ci fossero anche altri candidati giovani che competono, poi se si vuole individuare, nel fatto che un candidato ha il consenso, perchè ha un partito abbastanza organizzato dietro che lo sostiene, un difetto per me questa è una virtù, anche perchè se si è riusciti a mantenere il consenso negli anni significa che si è riusciti a sintonizzarsi con il comune sentire della gente che ti stima, ti apprezza, ti considera capace di poter assumere un certo ruolo, poi se qualcuno pensa che per poter fare carriera personale , bisogna togliere tutto ciò che ostacola la propria carriera personale, le primarie possono essere lo strumento utile per soddisfare le proprie ambizioni.
Blog : Alla sua guida, tra cinque anni questo paese come lo vede?
Luigi Conte: Intanto mi auguro che tutto possa svolgersi serenamente, e che possa esserci un sindaco di centrosinistra o io o la dott.ssa Petracca non ha importanza, l’importante è che vinca il centrosinistra, perchè per quanto mi riguarda la competizione vera è quella della primavera prossima. Sicuramente il prossimo candidato del centrosinistra non troverà una condizione rosea, dal punto di vista della salubrità del bilancio comunale perchè in questi anni la destra ha fatto razzia , ci sono varie situazioni ingarbugliate da risolvere, tuttavia bisogna, come ho detto in altre occasioni, individuare ma anche una ottima squadra, ottimi consiglieri che come dei folli matti che si mettono a disposizione della comunità, sacrificano 5 anni della loro vita per dare il meglio di sestessi nel risolvere le varie problematiche che lasciano in eredità questi soggetti della destra che in questo momento amministrano Avetrana, e per poter realizzare quei progetti nuovi e innovativi che abbiamo in mente a partire dall’ambiente con un ottimo servizio di raccolta differenziata a partire dal turismo con un suo rilancio, a partire dall’agricoltura; qualora fossi sindaco io posso annunciare che ci sarà un assessore all’agricoltura, perchè la comunità avetranese vive di agricoltura ed è il settore che dà maggiormente lavoro a questa comunità e da lì si parte , turismo e agricoltura collegate insieme  e poi rilancio dell’edilizia e soprattutto puntare a tutto ciò che attraverso l’innovazione, la ricerca e lo sviluppo possa dare una migliore qualità al cittadino avetranese io sono stanco di vedere una comunità che ormai si è chiusa in casa, i luoghi pubblici non vengono frequentati, non c’è un teatro, non c’è un cinema, non ci sono luoghi di aggregazione se non 2 oratori parrocchiali, (blog:non c’è un luogo laico), non c’è neanche la voglia di stare insieme , noi dobbiamo ricreare le condizioni per stare bene insieme. un’altro settore che dovrebbe essere un fiore all’occhiello della amministrazione di centro-sinistra è  il settore che riguarda il welfare  e i servizi sociali, bisogna dare assistenza seria, vera alle tante persone che vivono da sole, alle tante persone che vivono in condizioni di indigenza, alle tante persone disagiate, perchè in questi anni sicuramente si è acuito il divario tra chi sta troppo bene e chi sta  male e la platea di quelli che hanno bisogno di aiuti è diventata sempre più grande  e bisogna guardare a questo settore della società perchè una persona di sinistra non può essere indifferente verso un cittadino che soffre.
Blog :grazie!
Luigi Conte: grazie a voi!
Categorie: I Candidati
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.